Il premio Tenco

Il Club Luigi Tenco è stato fondato a Sanremo nel 1972 da un gruppo di appassionati con lo scopo di promuovere e sostenere la cosiddetta “canzone d’autore”, ossia la canzone di qualità. E’ intitolato a un grande cantautore italiano, morto suicida nel 1967, un cantautore che solo dopo la morte è stato “portato in trono” dalla critica, la stessa che lo stroncava in vita.

Lo scopo del Club è quello di riunire tutti coloro che, raccogliendo il messaggio di Luigi Tenco, si propongono di valorizzare la canzone d’autore, ricercando anche nella musica leggera dignità artistica e poetico realismo.

Il Club opera senza scopo di lucro, in assoluta e riconosciuta autonomia dall’industria musicale. Ogni eventuale introito, non necessario alla vita del Club, è devoluto ad opere di solidarietà civile. Tutti gli operatori del Club lavorano disinteressatamente, senza alcun compenso.

L’iniziativa principale del Club è la “Rassegna della canzone d’autore”, festival di alta qualità artistica, culturale e tecnica, che dal 1973 si tiene annualmente al Teatro Ariston di Sanremo, una manifestazione unica in Europa e forse al mondo. Ad essa vengono invitati i più interessanti cantanti-autori italiani e stranieri. La rassegna è anche un’occasione di incontro e di amicizia fra artisti e operatori della musica per confrontarsi, discutere e stringere piacevoli rapporti umani durante tre giorni e tre notti di attività a tempo pieno.

In particolare, ogni anno, viene assegnato un “Premio Tenco” a un grande artista di livello mondiale che si sia particolarmente distinto nel corso della sua carriera, e che partecipa al festival con un breve concerto. Grazie a queste adesioni e alla loro attività, il “Premio Tenco” e diventato un titolo molto prestigioso e il Club Tenco è ormai riconosciuto a livello internazionale come un organismo culturale molto importante e autorevole nel campo della canzone.

Quest’anno, la targa Tenco come miglior album e miglior canzone(cattiva), è andata a Samuele Bersani, che bissa il successo del 2000 con l’album L’oroscopo speciale..premio meritatissimo.

Quella del premio Tenco è, sotto il punto di vista della Qualità, la rassegna più importante che si tiene a Sanremo, e dal mio punto di vista, molto più bella del Festival canoro di febbraio, dove ormai, la qualità delle canzoni è solo un’utopia.

Per approfondimenti vai sul sito ufficiale del club Tenco

Francesco Genovese

Nella la città dei fiori disse chi lo vide passare che forse aveva bevuto troppo ma per lui era normale. Qualcuno pensò fu problema di donne, un altro disse proprio come Marylin Monroe. Lo portarono via in duecento, peccato fosse solo quando se ne andò. La notte che presero il vino e ci lavarono la strada. Chi ha ucciso quel giovane angelo che girava senza spada?E l’uomo della televisione disse: “Nessuna lacrima vada sprecata, in fin dei conti cosa c’è di più bello della vita, la primavera è quasi cominciata”. Qualcuno ricordò che aveva dei debiti, mormorò sottobanco che quello era il motivo. Era pieno di tranquillanti, ma non era un ragazzo cattivo. La notte che presero le sue mani e le usarono per un applauso più forte. Chi ha ucciso il piccolo principe che non credeva nella morte?

E lontano lontano si può dire di tutto, non che il silenzio non sia stato osservato. L’inviato della pagina musicale scrisse: “Tutto è stato pagato”. Si ritrovarono dietro il palco, con gli occhi sudati e le mani in tasca, tutti dicevano “Io sono stato suo padre!”, purchè lo spettacolo non finisca. La notte che tutti andarono a cena e canticchiarono “La vie en rose”. Chi ha ucciso il figlio della portiera, che aveva fretta e che non si fermò?

E così fù la fine del gioco, con gli amici venuti da lontano, a deporre una rosa sulla cronaca nera, a chiudere un occhio, a stringere una mano. Alcuni lo ricordano ancora mentre accende una sigaretta, altri ne hanno fatto un monumento per dimenticare un pò più in fretta. La notte che presero il vino e ci lavarono la strada. Chi ha ucciso quel giovane angelo che girava senza spada?

(Festival – di Francesco De Gregori)

Categories: Musica
Tags: spettacolo

About Author

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*